Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

F.I.S.Co.01 / Corpo sottile

rassegna internazionale sulla nuova coreografia europea

8/3/2001 - 19/4/2001

 

 

XING/ LINK PROJECT PERFORM presentano Corpo sottile, rassegna internazionale sulla nuova coreografia europea (8 marzo-12 aprile 2021) al Link Project, in Via Fioravanti 14 Bologna. Corpo sottile/F.I.S.Co.01 è una galleria di lavori di danza ‘che non danzano’Sono riunite per la prima volta in una rassegna organica in Italia, compagnie straniere ed italiane che mostrano in maniera esemplare in quale direzione sta andando lo spettacolo contemporaneo. Gli ‘enfants terribles’ della  danza europeagiovani danzatori e coreografi, esplorano le possibilità del corpo e del movimento nella sua accezione più superficiale (la carne) e più profonda (hanno trovato un pre- o  un post-linguaggio? una filosofia legata al movimento?). Una cosa li accomuna. La creazione di lavori che mostrano i desideri più veri alla fine di un’ epoca consumistica e spettacolare. Dando la parola al corpo, direttamenteAlcuni minano le abitudini della danza virtuosa con la determinazione del ricercatore scientifico che osserva se stesso con occhio clinico (Xavier Le Roy, danzatore e micro-biologo). Altri praticano una ricerca sul movimento corporale e psichico: sullo spazio, sul pieno e il vuoto, associato ad estetiche musicali più che attuali (Myriam Gourfink). Jérôme Bel, nello spettacolo omonimo, crea un lavoro minimale di demitizzazione dell’individuo, manipolando, auscultando, radiografando i corpi nudi in scena, impegnati in una ‘esplorazione di sé’. Gli italiani MK, con la forza di chi non ha maestri regolari, immergono il loro lavoro coreografico in ambienti visivi e sonori che oscillano verso lo spiazzamento e l’immobilità. Kinkaleri, presenta in anteprima un nuovo lavoro: policentrico, 'in bilico fra mezzi e formati', in cui il corpo diventa elemento ambientale. 5 spettacoli radicali, delicati, antispettacolari, irritanti, politici, crudi, di oggi.

Con: Xavier Roy (F), Myriam Gourfink (F), Jérome Bel (F), MK (I), Kinkaleri (I).
 
Forum sullo Spettacolo Contemporaneo: Corpo Sottile. Dance, Acting, Performance, Film. Partecipano: Gianni Manzella, Massimo Marino, Elisa Vaccarino, Jean Marc Adolphe, Gigi Cristoforetti, Paolo Ruffini, Roberto Castello/Aldes, Pietro Babina/Teatrino Clandestino, Silvia Fanti/Xing/Link Project Perform.
 
Dove: Link Project Via Fioravanti 14 Bologna
 
***
XING/LINK PROJECT PERFORM presents in Bologna CORPO SOTTILE (The Subtle Body), an international exhibition on new European choreography (8 march -12 april 2021) at Link Project Via Fioravanti 14.
CORPO SOTTILE/F.I.S.Co.01 is a gallery of dance projects. Both Italian and foreign dance companies will come together for an organic exhibition-the first of its kind in Italy-in which they will demonstrate what directions this contemporary artistic field is taking. CORPO SOTTILE presents works which are exemplary for their conceptual evolution of choreography.-choreography intended no longer as simply an orchestration, but rather as a point of observation, an exploration of space and the body. The enfants terribles of European dance, these young dancers and choreographers explore the fondamental possibilities of movement and the body. In one case, the practices of virtuosic dance are undermined by the determination of a scientific researcher who observes himself with a clinical eye (Xavier Roy, microbiologist and dancer). Another case explores both body movement and movement of the psyche, through empty space and filled space, associating all of this with musical esthetics rather than concrete esthetics (Myriam Gourfink). Jérome Bel, in his self-named performance, creates a minimal work based on the demythification of the individual, manipulating, auscultating and X-raying the nude bodies on the stage, who are wrapped up themselves in a type of self-exploration. The Italians MK, with the power of who does not study as part of an established school of dance, immerse their choreographic work in visual and sonorous atmospheres which oscillate between disorientation and immobility. Kinkaleri presents the debut of a new project--policentric, suspended between realizational means and formating, in which the body becomes an environmental element.Five radical, delicate, anti-performance, irritating, poltical, raw perfomances from today's world.