Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Il cinema di Gianfranco Brebbia

live cinema

27/11/2015 - 27/11/2015
Raum Bologna

Venerdì 27 novembre alle 22.00 Raum ospita Idea assurda per un filmaker, progetto di live expanded cinema a cura di Home Movies. L'Archivio Nazionale del Film di Famiglia continua a cercare e scoprire espressioni inedite e originali nella produzione di film indipendenti e in formato ridotto. In quest'ottica, la manifestazione annuale Archivio Aperto con la collaborazione di Xing, dedica a Gianfranco Brebbia, cineasta sperimentale appartenente alla CCI Cooperativa Cinema Indipendente, un omaggio al suo percorso di sperimentatore visivo.

Alla serata parteciperà Giovanna Brebbia, figlia dell'autore e testimone d'eccezione del lavoro del padre. Il restauro dei film è stato eseguito in collaborazione con La Camera Ottica (Università di Udine).

Home Movies, organizzazione basata a Bologna, fondatrice dell’Archivio Nazionale del Film di Famiglia, oltre alle attività di raccolta, conservazione, restauro, ricerca e valorizzazione del cinema di famiglia, dal 2002 anni promuove e cura la realizzazione di numerose installazioni video e antologie a partire dalle proprie collezioni e in collaborazione con alcuni musicisti.

La VIII edizione di Archivio Aperto inaugura il 23 ottobre e si chiude il dicembre, con appuntamenti periodici nell'arco di 2 mesi che incideranno in modo significativo sulla produzione culturale di Bologna.

Gianfranco Brebbia’s archive is a recent and unexpected discovery. The author worked with Double8 and Super8 film, between 1960s and 1970s; he was an independent filmmaker, on the margin of Italian underground scene. In his movies, fast and iper-chromatic visual fluxes alternate with double exposures and landscape lyrical shots: he was truly looking for the expressive potentialities of the dispositif. Home Movies,following a process of philological rediscovery, aspires to propose again an historically accurate performative model, projecting at Raum in collaboration with Xing, the entire lot of reels associated with the expanded cinema project A crazy idea for a Filmaker, and combining them with the author’s 1/4'’ mag tapes.