Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Plane/Talea #7 (Regular Measures)

una sound performance di Alessandro Bosetti

16/11/2016 - 16/11/2016

Mercoledi 16 novembre alle 22.00 Xing presenta a Raum Plane/Talea #7 (Regular Measures), sound performance del talentuoso compositore Alessandro Bosetti, eseguita per la prima volta con una diffusione spaziale in uno spaesante chiaro/scuro forestale.

Il ciclo di composizioni di Alessandro Bosetti Plane/Talea nasce da un interesse per la polifonia vocale. Prospetta un coro impossibile costruito attraverso il campionamento di migliaia di frammenti e particelle di voce, la sua e quella di altri, e la loro ricomposizione in ghirlande e tessiture polifoniche. Tale ciclo può venir inteso come la sonificazione utopica di una comunità impossibile, in cui voce è atomizzata in particelle primarie ed in seguito ricostituita in masse e nubi sonore. La musica di Plane/Talea è la proiezione sonora di tale comunità. La voce non viene processata o alterata in alcun modo ma è sottoposta ad una riorganizzazione molecolare. L’Ars Combinatoria di Raimondo Lullo, le divine ruote concentriche che garantivano di poter esprimere tutte le combinazioni dell’universo, o la Macchina per Pensare disegnata nella sua Ars Magna del XIII secolo, hanno a loro modo dato spunto a questa visione di Bosetti, che nel corso di un ventennio ha investigato ampiamente il rapporto parola/suono.

Wednesday 16th november at 10pm Xing presents at Raum Plane/Talea #7 (Regular Measures), sound performance of the composer Alessandro Bosetti, performed for the first time in a spatial diffusion which recalls a disorienting forestal chiaroscuro.

The cycle of compositions by Alessandro Bosetti collected under the title Plane/Talea reflect his interest in vocal polyphonic music. They envision an 'impossible choir' constructed through the sampling of thousands of fragments and pieces of voices, his own and those of others, and their recomposition into polyphonic garlands and textures. This cycle can be intended as the utopic sonification of an impossible community in which the voice is atomized into primary particles and later reconstituted into sonic masses and clouds. These are too dense and complex for a chorus of real human beings to sing. The music of Plane/Talea is the sonic projection of such a community. The voice is not processed or altered in any way but subjected to molecular reorganization. The Ars Combinatoria of Raimondo Lullo, mistic of the thirteenth century, and his divine concentric Wheels of Fate that guaranteed to be able to express all the combinations of the universe, have inspired Bosetti for this project. A new step in his wide investigation of the relationship word/sound.