Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

Singer

 Cristian Chironi

 
 

La performance Singer è un gioco concettuale che unisce una coreografia architettonica ad una coreografia della vestizione e si caratterizza soprattutto per un “fare” che trova giustificazione nel fare. Il corpo performato, all’interno dello spazio perimetrato e costruito della stanza, rievoca gesti quotidiani e banali, che vengono cuciti ad un presente irreale. La coreografia diviene lo spazio fisico di un pensiero frammentato, dove il corpo è il perno che fa muovere le cose. Oltre che come laboratorio intimo ed estetico, Singer si pone in una doppia presa di posizione critica e politica; antropologicamente, nei confronti della performance storica, mutandone certi meccanismi; socialmente, condividendo una sensibilità morale, quella femminile, a cui far riferimento, per ritrovare un nuovo ordine ed equilibrio all’interno della casa universale. La semplice quotidianità entra a far parte dell’evento, non divenendo spettacolo, ma facendo sì che lo spettacolo divenga quotidianità. L’azione minimale dettata dalla memoria, sviluppa nel pensiero l’humour che trova nell’oggettività la vera rinascita delle cose.Singer,chiama lo spettatore a prenderne atto.