Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Italian Landscapes / Paesaggi italiani

 Dafne Boggeri, Andrea Dojmi, Saul Saguatti, Teatrino Clandestino, Fanny & Alexander, Motus, Armin Linke, Sun Wu Kung, Maria Arena , Elettrosofia, Loew & associati, Paolo Caredda, Elisa Sighicelli , Alice Guareschi, Vitone & Viel, Kinkaleri, Solitonwawe , Marcello Maloberti

 
 

Italian Landscapes / Paesaggi italiani è un progetto editoriale che raccoglie l'intervento visivo di una serie di protagonisti della cultura e della creatività italiana contemporanea. Curioso oggetto obliquo, fra coffee table book e libro d'arte, sostanzialmente inclassificabile, Italian landscapes è una commissione specifica a ventidue personalità di una recente generazione espressiva incentrata sul tema del paesaggio italiano. Di riflesso, una visione su un nuovo paesaggio creativo nazionale.
Ogni singolo autore o team coinvolto nel progetto dai curatori ha liberamente reinterpretato le condizioni proposte, lo spazio, il formato - un taglio editoriale insolito fra panoramica e richiamo al cinemascope - ed infine il tema, o motivo: la propria visione del paesaggio italiano.

Italian Landscapes / Paesaggi italiani è un repertorio di forme espressive non tanto stilisticamente omogenee quanto dotate di stile. E' un oggetto di conoscenza verso un'area produttiva generazionale trasversale che si relaziona variamente alla comunicazione, pur provenendo dagli ambiti più disparati della creatività. Un'area generazionale che fra teatro e performance, arti visive e fotografia, grafica e design, televisione e videodesign, coniuga la ricerca con il rigore, la leggerezza con il metodo.
Seguendo una specifica attitudine organizzativa, curatoriale e di riflessione, il progetto cerca di restituire un approccio all'insegna dell'interdisciplinarietà e dell'invito alla sfida di un formato ogni volta nuovo, spesso un 'fuori formato'. Per il libro la sfida è stata raccolta da tutti gli autori selezionati, pur non trattandosi in buona parte di frequentatori dell'immagine stampata.

Italian Landscapes è una sorta di fermo immagine particolare. Può sembrare assolutamente "fermo" ed immobile ad uno sguardo distratto. Vive invece di un fervore intenso, evidente e, nella sua apparente 'tradizionalità', del tutto originale.  

Italian Landscapes nasconde un potenziale interessante di lettura e analisi di una leva generazionalmente e qualitativamente connotata quanto nell'insieme sfuggente, trasformandosi da repertorio di forme a strumento di definizione della propria autorappresentazione, nell'orizzonte della personale visione del paesaggio italiano.
Fra paesaggio storico e paesaggio geografico esiste una circolarità ed una reciprocità. Nella relazione armonica fra l'uno e l'altro si determina il Paesaggio.
Italian landscapes è senz'altro un percorso circolare, dalla frammentazione all'unitarietà, dall'interno all'esterno, dalla luce al buio,dalla concitazione al silenzio.
L'eclettismo che lo abita altro non è che la peculiarietà dell'atmosfera in cui viviamo.