Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

Cutter

 Cristian Chironi

 
 

Uno strumento tagliente asporta dalle immagini stampate tutto ciò che è in via d’estinzione o è già estinto: ghiacciai, fondali marini, panorami naturali, fiori, piante, animali. Immagine dopo immagine, attraverso la sottrazione, si formano nuove relazioni nella successione delle pagine, scavate con il fare di un botanico, il cinismo di un chirurgo e la svagatezza di un turista. 
Dall'Isola Deserta di Robinson Crusoe alla Foresta Equatoriale, dall'esplosione sonora della Natura al disegno perfetto di Fiori e Piante, dai Deserti alle Alpi, guardiamo un po' affascinati e un po' inebetiti le Meraviglie della Terra. Forse siamo tutti turisti, che ammirano l'Himalaya con un cheesburger in mano.
 


Non è senza qualche perplessità che il naturalista si accinge a presentare le bellissime fotografie di questo libro. Egli si domanda se è veramente necessario accompagnare con un testo delle immagini che – scelte in base a criteri estetici – sono destinate innanzitutto ai lettori sensibili alla bellezza delle forme. Non obietterà forse qualcuno che l’identità delle creature rappresentate ha poca importanza? E che non mette conto di preoccuparsi della posizione che esse hanno nella natura? Il loro scopo e di farci provare l’emozione che suscita ogni opera d’arte perfetta, l’eccitazione intellettuale provocata da un’armonica disposizione delle masse.
 (J. Forest, Meraviglie dei Fondali Marini, Ist. Geografico De Agostini Novara, 1958). 
 

A sharp instrument removes from printed images all that might be threatened with extinction or that has already become extinct: glaciers, seabeds, natural panoramas, flowers, plants, animals. By subtracting elements in each frame as part of a sequenced whole, new relationships begin to emerge. Varied and at times contrasting attitudes  are echoed, such as a careful dig of botanist, or from a cynic surgeon at work to a savage tourist at play.  From Robinson Crusoe's Deserted Island to the Equatorial Forest, from Nature's sound explosion to  Flowers and Plants' perfect design, from Deserts to the Alps, we are looking at the wonders of the Earth  fascinated and dazed at once. Maybe we are all tourists admiring the Himalaya with a cheeseburger in our hands.

It is not without any doubt that a nature lover introduces the wonderful pictures contained in this book,  guessing wether it is indeed necessary to add a textual description to accompany all these images which - chosen based on aesthetics - were meant for readers particularly sensitive to beauty. Will anyone point out that the identity of the portrayed creatures is afterall irrelevant just like it is their role or placement in the wilderness? Their only goal and purpose is to generate the exact same reaction that the sight of a perfect art masterpiece creates in the viewer, the intellectual excitement caused by a harmonic placement and distribution of weights, visual balance. (J. Forest, Meraviglie dei Fondali Marini, Ist. Geografico De Agostini Novara, 1958).

The project Cutter will be articulated into artist's books, video and performing art according to the circumstances.