Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Hotel Palace

 Yves-Noël Genod

 
 

performance, prima italiana, produzione Xing/Live Arts Week

Hotel Palace Vimeo

Borderline, radicale e folgorante, artista e artigianoYves-Noël Genod realizza spettacoli ispirati ai contesti, fabbricandoli sul corpo delle persone come un sarto: haute couture a partire dagli interpreti, dai luoghi e dai pubblici. Grande attenzione quindi sulla 'presenza', siano danzatori, attori, cantanti, professionisti, amatori, tecnici. Il lavoro che presenta a Bologna è una performance inedita, in cui ancora una volta praticherà l'arte dell'equilibrismo tra messa in scena e improvvisazione assieme ai suoi interpreti preferiti. Con le sue creazioni 'non premeditate' Genod rimette in questione il teatroQuasi senza regia - il meno possibile da parte mia - e tutti i sensi saranno lasciati disponibili. E' questo il mio piacere di regista: non far nulla, lasciar fare, lasciar agire alla sola condizione - molto esigente e dittatoriale, in un senso - che l'azione crei piacere. Genod ricrea l'intensità di una sospensione, momenti effimeri, istanti che si rinnovano mai identici. La dimensione di intimità che propone, tra confessione e invettiva, richiede la connivenza col pubblico, attraverso tutte le risorse emotive. Serve empatiaE Yves-Noël Genod è un grande delinquente della nonchalance.

Teoria

Io sono ciò che mi sta intorno.

Le donne lo capiscono.

Una non è una duchessa.

Cento yarde dalla carrozza.

Questi sono dei ritratti, quindi:

Un vestibolo nero;

Un letto alto chiuso da tende.

Questi sono solo degli esempi.


(Wallace Stevens)

messa in scena Yves-Noël Genod
con Jonathan Capdevielle, Marlène Saldana, Thomas Scimeca, Katy Moran & guests

performance, italian première, production Xing/Live Arts Week

Borderline, radical and brilliant artist and craftsman, Yves-Noël Genod creates shows inspired by places, fabricating them on the bodies of people like a tailor, haute couture that starts with the performers and continues on to places and the audiences. Here great attention is therefore given to 'presence', whether they are dancers, actors, singers, professionals, amateurs, or technicians. The work he will be presenting in Bologna, Hotel Palace, is an original performance, in which he will once again perform his balancing act between staging and improvisation together with his favourite performers. With his 'unpremeditated' creations, Genod calls the theatre into question. "Almost without direction - as little as possible on my part - and all the senses will be left available. This is my pleasure as a director: to not do anything, to leave things alone, to allow for action on one condition - very demanding and dictatorial, in a sense - that action creates pleasure". Genod recreates the intensity of a suspension, fleeting moments that renew themselves and are never identical. The level of intimacy he proposes, between confession and invective, requires the connivance of the public, using all the emotional resources. Empathy is needed. "And Yves-Noël Genod is a huge offender when it comes to nonchalance."

Theory

I am what is around me.

Women understand this.

One is not duchess.

A hundred yards from a carriage.

These, then are portraits:

A black vestibule;
A high bed sheltered by curtains.

These are merely instances.


(Wallace Stevens)

concept, direction Yves-Noël Genod
with Jonathan Capdevielle, Marlène Saldana, Thomas Scimeca, Katy Moran & guests