Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

U$e Your Illu$ion$

 Dracula Lewis, Laura Brothers

 
 

sound & visual performance, prima italiana

Dracula Lewis - suoni e voce - e Out4pizza - gif animation -, duo già collaudato a distanza, si ricongiunge fisicamente per la prima volta a Bologna per presentare U$e Your Illu$ion$. E' un titolo che evoca erroneamente un immaginario glamour deviante, presente e assente nel modo di operare di Dracula Lewis, che indica piuttosto un certo gusto per la dissimulazione e le piste false. I live di Dracula Lewis inglobano abbondanti materiali di matrice pop, evocando nei modi e nei toni un protagonismo disfatto. L'impasto complessivo è fantasmatico, a tratti molto scuro, a tratti luccicante, un gioco di luce ed ombra. L'assetto esecutivo semplicissimo, mixer, campionatori e voce, utilizzati in brevi sessioni molto secche, a rievocare la forma canzone, realizza assieme alle animazioni gif di Laura Brothers (Out4Pizza), una straniata sequenza-spettacolo che trasuda vuoti in mezzo alla densità dei riferimenti stilistici e immaginari. Anche se complessivamente prevale la sensazione di un'autentica scoperta del continente dub e delle sue attuali percolazioni globali, di fatto è come se ci trovassimo ancora di fronte ad un'attitudine punk che, abbandonati basso e chitarra, adotta sampling e digital data per riattualizzare il vecchio gioco di dissacrazione ed incuranza. Certamente c'è un'altra consapevolezza, storica oltre che di repertorio, colta e disincantata, che appartiene a questa generazione

sound & visual performance, italian première

Dracula Lewis - sounds and voice- and Out4pizza-gif animation-, a duo that has worked from a distance, is physically coming together for the first time in Bologna to present U$e Your Illu$ion$. This title that mistakenly evokes an imaginary deviant glamour, present and absent in Dracula Lewis’ way of working, with quite a taste for concealment and false leads. Dracula Lewis’ live works incorporate an abundance of pop materials, evoking, in manner and tone, a protagonist in decline. The material is total fantasy, sometimes very dark, at times shimmering, a play of light and shadow. The executional structure, very simple, mixers, sound samples and vocals used in short very dry sessions, and re-evoking the song form, together with the gif animations of Laura Brothers (Out4Pizza), form an estranged sequence-show that exudes emptiness in the middle of the density of stylistic and imaginary references. If overall there is a prevailing sense of an authentic discovery of dubbing and its current global percolation, in fact it is as if we were still facing a punk attitude that, having abandoned bass and guitar, adopts sampling and digital data for re-enacting the old game of desecration and neglect. Of course there is another awareness, historical as well as part of the repertoire, educated and disenchanted, that belongs to this generation.