Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

The Host and The Cloud

 Pierre Huyghe

 
 

film, prima italiana

The Host and the Cloud (2009-10) nasce come esperimento negli spazi del Musée des Arts et Traditions Populaires di Parigi, oggi chiuso. Gli impiegati del museo sono stati coinvolti in una serie di azioni ispirate alle tradizioni popolari, reinterpretate da alcuni attori, utilizzando tre universali scadenze annuali: Halloween, San Valentino e il Primo Maggio. L'esperimento è stato ripreso e trasformato nel film The Host and the Cloud, che, di fatto, documenta quegli eventi. Il ruolo e i comportamenti degli attori e del personale sono influenzati da narrazioni eterodosse e dalle varie situazioni create nello spazio chiuso del museo. La collezione dei molti caratteri immaginari, le configurazioni mutevoli -reali o fittizie- danno forma alla situazione che sostituisce progressivamente il soggetto. The Host and the Cloud è una fiaba, una giornata nella mente di un soggetto assente. Gli attori incarnano i diversi aspetti di questo fantasma; la situazione dal vivo, il suo movimento e i caratteri di finzione che appaiono nel film sono l'alter ego - nel paesaggio mentale - di questo soggetto assente. The Host and the Cloud è un film ipnotico e sull’ipnosi, ambientato nel più condizionante degli spazi di narrazione, il museo modernista, pervadendolo di semi di immaginario. Rimangono i ricordi frammentari di una serie incongrua: la sfilata a più uscite di una modella; il remake del video Thriller con un sosia di Michael Jackson; la comparsa di ET; l’incoronazione di Bokassa; un’orgia in un club, scheletri; un’immagine ossessivamente ricorrente di persone rese anonime dal volto coperto da un libro luminoso aperto; ed il racconto infine di due storie, la relazione fra la Apple e Steve Jobs, e la vicenda di un teenager con lo pseudonimo Dreamwalker che manipola marionette come bambole voodoo usando la rete come medium per i propri crimini a distanza. Oltre agli struggenti loop da Wuthering Heights di Kate Bush, questo impasto di cascami culturali/popolar-generazionali è affogato in musiche di Debussy, passaggi di Pierino e il lupo e campioni della colonna sonora di Mullollhand Drive di David Lynch.

HD video, col., son., 2h 1' 30''

film, italian première

The Host and the Cloud (2009-10) began as an experiment within the spaces of the Musée des Arts et Traditions Populaires in Paris, which is now closed. The employees of the museum were involved in a series of actions inspired by folk traditions, reinterpreted by a few actors, using three universal, annual holidays: Halloween, Valentine's Day and May Day. The experiment was shot and turned into the film The Host and the Cloud, which, in fact, documents those events. The role and behavior of actors and staff are influenced by heterodox narratives and by the various situations created in the closed space of the museum. The collection of many imaginary characters, the changing configurations -real or fictitious- shape the situation which gradually replaces the subject. The Host and the Cloud is a fairy tale, a day in the mind of an absent subject. The actors embody the different aspects of this ghost; the live situation, its movement, and the fictional characters that appear in the film are the alter ego – in the mental landscape - of this absent subject. The Host and the Cloud is both a hypnotic film and a film on hypnosis, set in the most conditioning of spaces for narration, the modernist museum, permeating it with seeds of imagination. The fragmented memories of an incongruous series remain: a fashion show with multiple appearances of a model; a remake of the Thriller video with a Michael Jackson impersonator; the actor who played ET; Bokassa's coronation; an orgy in a night club, skeletons; an obsessively recurring image of people made anonymous, masked by an open, illuminated book; and, finally, the narration of two stories, the relationship between Apple and Steve Jobs, and the story of a teenager with the pseudonym of Dreamwalker who manipulates puppets like voodoo dolls, using the net as a means for carrying out his crimes ‘at a distance’. In addition to the poignant loops from Wuthering Heights by Kate Bush, this mixture of cultural/popular-generational waste is drowned in the music of Debussy, passages from Peter and the Wolf and samples of the soundtrack of Mulholland Drive by David Lynch.


HD video, col., son., 2h 1' 30''