Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

JP32000

 Lorenzo Senni

 
 

JP32000 è il titolo dell'esecuzione realizzata da Lorenzo Senni come opening della sesta edizione di Live Arts Week. Senni, ormai diventato celebre per il personale approccio decostruzionista capace di distillare insospettabili quintessenze dalla Trance anni '90, torna a Bologna con un concerto che ri-attraversa i pre-set creati per la realizzazione delle tracce pubblicate nei suoi dischi: sequenze, pattern e melodie programmati per dar vita a diversi oggetti sonori. JP32000 è un Roland JP8000 moltiplicato x 4: quattro synth che Senni utilizzerà 'all together' dopo averli impiegati nella realizzazione di tutti i suoi dischi, a partire da Quantum Jelly fino al recente Persona, appena pubblicato dalla Warp. Questo live è quindi un'occasione per assistere alla magia di un processo creativo, ascoltato come se fossimo dietro le quinte, accedendo al rapporto essenziale che lega un musicista ai suoi strumenti. Un omaggio/combattimento con la forza modellante dello strumento, e un esempio di sapienza compositiva fondata sul virtuosismo esecutivo.

P32000 is the title of the sound performance by Lorenzo Senni as an opening for the sixth edition of Live Arts Week. Senni - who has gained widespread acclaim for his distinctive deconstructivist approach that distils the unexpected quintessence from 90s trance music - returns to Bologna with a concert which embraces, and thus retraces, the pre-sets created for the realisation of the tracks published on his records: sequences, patterns and melodies programmed to give life to different sound objects. JP32000 multiplies the model number of the Roland JP8000 by four: four synths that Senni uses 'all together', having utilised them in the creation of all his records, from his first album Quantum Jelly to the most recent, Persona, which has been released by Warp. This live show is therefore an occasion to witness the magic of the creative process, allowing us to listen from behind the scenes and granting privileged access to the essential relationship that bonds a musician to his instruments. A homage to/struggle with the formative strength of the instrument; it is an example of compositional wisdom founded on executive virtuosity.