Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

The Situation. DOGOD (primo studio)

 Marco Mazzoni, Barbara Berti, Kareth Schaffer

 
 

Con The Situation. DOGOD (primo studio) Barbara Berti, insieme a Marco Mazzoni e Kareth Schaffer, ribalta la prospettiva della rappresentazione nello spettacolo, inaugurando il processo di creazione con un'audizione per cani. The Situation mette assieme l'animale umano e l'animale non umano. La performance si snoda in un ambiente safe, nella dimensione relazionale, come contemplazione collettiva di un universo che pone al centro il tempo animale. Il reame del gioco, del play, del fight inducono i presenti a navigare flussi coreografici, istantanei e interattivi, con i performer a mappare e sostenere lo spazio attraverso intimi atti di presenza; o con il posizionamento di oggetti che caricano la performance di una sostanza al confine tra animato e inanimato, decostruendo continuamente la 'situazione'. Se Donna Haraway richiede un ripensamento delle relazioni interspecie, ovvero di "essere capaci di unirsi a un altro, per vedere insieme senza pretendere di essere un altro", The Situation assume come statuto l'imprevedibile, quella soglia insicura in cui la continua distruzione e costruzione di un luogo è relazionale e empatica. La fisicità è un radar, un linguaggio per comunicare spazialmente, espressione di un territorio, e non di identità.

The Situation. DOGOD (primo studio)
concept Barbara Berti
performers e collaborazione progettuale Marco Mazzoni, Kareth Schaffer, Barbara Berti, 
Zoe Degli Esposti, Floki Cannata
para-oggetti Marco Mazzoni
produzione Xing, TIR Danza