Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Mattin

 
 

Mattin è un artista basco che lavora con l'improvvisazione ed il noise, nel senso più aperto del termine. Attraverso un approccio concettuale, indaga la natura ed i parametri dell'improvvisazione ed il rapporto tra l'idea di 'libertà' e la costante innovazione che vi è implicata. Tradisce in questo modo ogni aspettativa di fruizione per ridefinire le architetture sociali dello spazio, mettendo in discussione la relazione stereotipata tra un performer 'attivo' e un pubblico 'passivo', introducendo l'energia di una presenza dal vivo che non presuppone alcun limite. Agendo con diversi media e formati, Mattin mira a rivelare le strutture economiche e sociali della produzione sonora sperimentale in ambito live (concerti e performance), discografico (creando la label w.m-o/r), e saggistico. Ha curato la raccolta di testi Noise & Capitalism con Anthony Ilesed è autore del libro Unconstituted Praxis e conduce attualmente una ricerca di dottorato per l'Università dei Paesi Baschi sotto la supervisione di Ray Brassier e Josu Rekalde.

www.mattin.org

Mattin is a Basque artist working with noise and improvisation. His work seeks to address the social and economic structures of experimental music production through live performance, recordings and writing. Using a conceptual approach, he aims to question the nature and parameters of improvisation, specifically the relationship between the idea of 'freedom'' and constant innovation that it traditionally implies, and the established conventions. Mattin considers improvisation not only as an interaction between musicians and instruments, but as a situation involving all the elements that constitute a concert, including the audience and the social and architectural space. He tries to expose the stereotypical relation between active performer and passive audience, producing a sense of strangeness and alienation that disturbs this relationship. Mattin has edited with Anthony Iles the book Noise & Capitalism, and Taumaturgia published Unconstituted Praxis, a book collecting Mattin's writing plus interviews and reviews from performances that he has been part of.