Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

Grenze

 
 

Grenze è un progetto di Patrick Fontana /Aelters / Pierre-Yves, nato dal lavoro su alcuni concetti presi da Das Kapital di Marx. Il testo, chiamato "unnits of artificial development "è rotto e separato, per essere poi messo in forme di relazione, che rappresentano la loro trasposizione visiva. L'animazione derivata da questo, rappresenta, sul piano esecutivo, un tentativo di visualizzare la trasformazione della capitale e si apre una gamma di domande su come il capitale di oggi cattura la nostra vita, la nostra soggettività. In Das Kapital, Karl Marx usa spesso queste parole: forma, movimento, compensatore, divisioni, nuove circostanze, limiti biologici, trasformazione, rivoluzione. Quando egli parla del lavoratore, egli lo descrive come un agente imperfetto nella produzione di un movimento continuo. In Grenze, capitale è mostrato come un cubo in una ricostruzione perpetua. Le materie prime sono indicate come una larva e i lavoratori sono mostrati come triangoli. Tutte le forme e i loro componenti sono modificati in modo permanente. Voci di risposta a questi elementi visivi. Questo lavoro specifico del suono ha la stessa importanza delle forme. Tutte le forme sono corpi risonanti con suoni specifici. Vibrazioni, interferenze e delle risonanze sono particolarmente lavorate. Un dialogo che si svolge tra tutti i suoni.

Grenze is a project by Patrick Fontana /Aelters / Pierre-Yves, born from the work on some concepts taken from Karl Marx's Das Kapital. The text, called "unnits of artificial development", are broken up and separated, to be then put in relation withs forms representing their visual transposition. The animation deriving from this, represents, on the executive plane, an attempts at visualizing the transformation of capital and opens a range of questions as how today's capital catches ours lives, our subjectivities. In Das Kapital, Karl Marx often uses these words : forms, movement, mecanism, divisions, new circumstances, organic limits, transformation, revolution. When he talks about the worker, he describes him as an imperfect agent in the production of a continuous movement. In GRENZE, Capital is showed as a cube in a perpetual reconstruction.The commodities are showed as a larva and the workers are showed as triangles. All the forms and their components change permanently. Voices reply to these visual elements. This specific work of sound has the same importance than the figures. All the forms are resonant bodies with specific sounds. Wind sets in the centre of the images as a spreader, revealing the resonant images. Resonances, interferences, and vibrations are particularly worked. A dialogue takes place between all the sounds.