Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

Boris Achour

 
 

Boris Achour lavora con fotografie, installazioni, sculture, video, presentazioni, depliant, performance e manifesti, Non ha mai scelto di limitare il suo lavoro su un singolo supporto. Tuttavia, questa varietà rivela una predilezione per l'oggetto, qualcosa che si può portare a casa con . Con Générique, sua personale nell'aprile 2000, egli utilizza gli oggetti che ha prodotto (fotografie, pannello di diodi luminosi) per decorare la scenografia di una sit-com, che è ricostruita all'interno della Galleria di Chez Valentin. Boris Achour utilizza ogni pezzo come elemento decorativo, prova la sua capacità di essere estratto dal suo contesto museale di vivere in un ambiente quotidiano. E anche se da diversi generi, ogni oggetto ha qualcosa in comune con gli altri; sono realizzati con "mezzi propri". La cosa più importante non è il risultato finale,materiale, ma la capacità di esistere con i mezzi di produzione offerti. Questo è molto in accordo con la classificazione di Robert Filliou di "ben fatto, mal fatto e non fatto".

borisachour.net

Boris Achour works with photographs, installations, sculptures, videos, slide shows, leaflets, performances and posters, he has never chosen to restrict his work to a single medium. However, this variety does reveal a predilection for the object, something that you can take home with you. Boris Achour uses each piece as a decorative element, testing its capacity to be extracted from its museum context to live in an everyday environment. And although from different genres, each object has something in common with the others; they are made with "own means". The most important thing is not the final, plastic result, but the capacity to exist with the means of production offered. This is very much in phase with Robert Filliou’s classification of "well done, badly done and not done".  Boris Achour tracks down linguistic slips, displaced meanings and the linguistic aberrations that produce a new meaning. He is interested in the psychological dimension of language. The use of paradox also allows him to bring out the weaknesses of a system where utility is never called into question. Boris Achour cultivates a lucid defiance towards a "society of communication" and systems.