Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Jimmie Durham

 
 

Jimmie Durham è Cherokee nato in Arkansas nel 1940. Artista visivo, scultore in particolare, ma anche saggista e poeta, lungo gli anni ’70 è stato attivista politico di primo piano nell’American Indian Movement. Dedito al teatro e alla performance negli anni ‘60 e ’70, dal decennio successivo inizia a realizzare bizzarri oggetti, assemblage e installazioni. Si tratta di opere a partire spesso da oggetti trovati (se non da rifiuti) che, mettendo a confronto architettura, monumentalità e narrazioni delle identità e delle storie nazionali, decostruiscono e mettono in crisi gli stereotipi e i pregiudizi della cultura occidentale, in particolare nella rappresentazione dell’identità degli indiani nord americani. In questo senso Durham è una delle figure chiave negli studi critici e teorici nell’ambito dei cultural e postcolonial studies, trovandosi a partecipare a mostre internazionali come Documenta IX del 1992 o la 50. Biennale Arte di Venezia. Ironica e sagace, la sua opera si interroga sul senso e sulla funzione dell’oggetto e del consumismo alla fine del XX secolo. Ma è soprattutto uno straordinario riattraversamento dei fondamenti della tradizione della scultura moderna con imprevedibili feedback sulla ricerca delle generazioni più giovani di artisti.

Jimmie Durham was born in Arkansas in 1940. Visual artist, sculptor, as well as essayist and poet. in 1994 he moved to Europe where his work has focused primarily on the relationship between architecture, monumentality and national narratives. Durham has exhibited in venues around the world, including Whitney Biennial (1993 and 2006), Documenta IX, the Venice Biennale (1999, 2001, 2003 and 2005), ICA in London, New Museum for Contemporary Art and Exit Art in New York, Hamburg Kunstverein, the Museum of Contemporary Art in Antwerp, Basel Kunsthalle, FRAC in Reims, Wittgenstein Haus in Vienna, Kunstverein in Munich, Palais des Beaux-Arts in Brussels, among others. Durham will have a forthcoming retrospective of his work at the Musee d’Art Moderne de la Ville de Paris in Spring 2009. Durham is the author of numerous essays, poems and publications on anti-architecture. In 1995 Phaidon published Jimmie Durham, a comprehensive survey of his art. Currently Durham is working on a new compilation of essays, a new book, The Road, based on a new work in Mexico City and a new collection of poetry.