Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Alex Cecchetti

 
 

Alex Cecchetti, di origine italiana basato tra Parigi e Londa, è artista, poeta, performer, scultore, coreografo. Il suo sistema creativo è tattico e poetico, estetico e materialista e produce situazioni e ambienti in potenza che esistono sia dentro che fuori i criteri espositivi. E' da questo doppio movimento 'verso e via da' la rappresentazione che prendono forma le sue sculture, le coreografie invisibili, le performance, la scrittura e la poesia. Il suo lavoro si focalizza sulla costruzione di narrazioni che vengono vissute mentalmente e fisicamente, in un flusso costante di attraversamenti e trasformazioni, dando vita a coreografie invisibili e narrazioni immaginifiche, ed esperienze per, e con, lo spettatore. Esempi di queste procedure sono: Summer Is Not the Prize of Winter, una riflessione su linguaggio, oralità e esistenza (Serpentine Galleries, 2015); Marie & William, grandi disegni con succo di mora che mettono in coreografia una grottesca storia d’amore tra un Inizio e una Fine (Fundacao Serralves, Porto 2015), da cui nasce il libro Marie & William, a performance by Alex Cecchetti (Mousse Publishing, 2015) realizzato in collaborazione con i designers Abake; Louvre, una visita guidata del museo del Louvre senza il Louvre (Un Nouveau Festival, Centre Pompidou, Paris 2014); Walking Backwards, una camminata all’indietro nel parco ma anche letteralmente dentro una storia, per non conoscere ciò a cui si va incontro (Jardin de Plantes, Paris 2013); Nuovo Mondo, una passeggiata nell'underworld (Palais de Tokyo, Paris 2014); e una coreografia per danzatori che si nascondono alla vista dello spettatore (Prix Fondation d'entreprise Ricard, Paris 2013). Tamam Shud, infine, è un'indagine in diversi episodi sulla propria morte (Fiorucci Art Trust London, CCA Warsaw, e in Italia in contesti dedicati alle live arts, 2015>17) che culminerà in un libro. Ha partecipato alla mostra Danser sa vie al Centre Pompidou di Parigi con un musical con danzatori che credono di essere delle frecce ma poi scoprono di essere dei cani, e ha esposto nello spazio Satellite del Jeu de Paume, Parigi (2011) su invito di Raimundas Malasauskas. Nel 2015, in occasione della FIAC di Parigi, Cecchetti ha curato e organizzato il progetto Voices of Urgencies all'Ecole de Beaux Arts, interventi di poesia e scienze sociali.

www.alexcecchetti.com

Alex Cecchetti, born in Terni, Italy, living in Paris and London, is an artist, a poet and a choreographer. Difficult to classify, his work can be considered as the art of the un-representable, or art of avoidance: tactile and poetic, aesthetic and materialistic, it produces situations that exist inside and outside the exhibition system. It is only from this double movement "towards and away from" representation that several of his sculptures, invisible choreographies, performances, writings and poems take shape. Cecchetti has exhibited internationally in museums, art centres and galleries. In 2015-16 he presented the performance Tamam Shud, an investigation upon his own death in several episodes at Fiorucci Art Trust London, CCA Warsaw and other performative contexts. He performed his complete tour guide of the Louvre without the Louvre at the Centre Pompidou for A Nouveau Festival, and Summer is not the Prize of Winter, walking performance on oral transmission, language and existence around Serpentine Galleries/Kensington Gardens and CAC Vilnius. He presented the first tour guide of Hell and Heaven, Nuovo Mondo at the Palais de Tokyo in Paris, in which the audience was accompanied on a long journey through the underworld. Also in Walking Backwards the spectator is accompanied literally to walk backward inside a story and to become the core of the vision: one who walks backwards does not know the nature of the images to come. Marie & William is a performance-installation for Serralves Fundation and a book with designers Abake (Mousse Publishing): a love story between an End and a Beginning. Recent Exhibitions include: Prix Ricard, Fondation d’entreprise Ricard, Paris; MAXXI, Rome; CAC Vilnius, Lithuania; Museion, Bozen; FormContent, London. Cecchetti participated in danser ça vie at the Centre Pompidou Paris and he has been invited by Raimundas Malasauskas to the Jeu de Paume, Paris. In 2015 he devised and orchestrated in Paris Voices of Urgency, international panels of poetry and science hosted by Ecole de Beaux Arts, produced by FIAC for the international fair of contemporary art.