Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Versione

Anastasia Ax

 
 

Anastasia Ax, artista visiva, lavora a Stoccolma. La sua ricerca ruota attorno ai concetti di costruzione e decostruzione, e alle forze compensative che scaturiscono da questi due poli, prima, durante e dopo il processo. Le sue monumentali installazioni si focalizzano sui processi di trasformazione, come un continuo flusso ed evoluzione senza fine, dando luogo ad un'energia viscerale che libera e rappresenta la circolarità della vita e della storia. Carta, gesso e inchiostro esprimono, per Anastasia Ax, una duplice valenza, in quanto elementi naturali e simboli della nostra cultura. Essi sono mezzi creativi per colmare il vuoto, ma anche elementi dell’animus, velenosi e melanconici. Riplasmando lo spazio, il corpo dell'artista diviene strumento di metamorfosi. Essere pronti a perdere il controllo e a distruggere, denota una capacità di distacco dalle cose, una contrapposizione al materialismo che avvicina l’artista alla filosofia buddhista e alla tradizione dei mandala. Compulsioni creative e violente coesistono simultaneamente: un terreno fertile può trasformarsi in campo di battaglia o in un apocalittico paesaggio urbano. I lavori di Anastasia Ax sono stati ospitati in numerosi musei e gallerie, tra i quali: Moderna Museet di Stoccolma, Marta Herford di Herford in Germania, Neues Museum di Norimberga, Serralves Museum di Porto. Per le sue azioni, Anastasia Ax si è avvalsa della collaborazione di sound artists e musicisti, tra cui Lasse Marhaug, C. Spencer Yeh, Lars Siltberg, Leif Elggren, Marja-Leena Sillanpää e Bill Kouligas.

www.anastasiaax.se

Anastasia Ax is an artist based in Stockholm. Her work is inspired by the idea of construction and its deconstruction and the countervailing forces released due to and as well before, during and after the process. Endless and in continuous flux and evolution, her immense installations by focusing on a transforming process, the visceral and emancipated energy explore and represent the circularity of life. The possibility to terminate and at the same time continue demonstrates a discontinuity or cancellation of time, a piece is never tied up or resolved, and history can be reinterpreted. Paper, plaster and ink reveal their twofold nature as natural materials and further on as symbols of our intellectual culture, as creative means ready to fill out the void and as elements of poison, animus and melancholy. Reshaping her environment, the artist's body becomes a tool of metamorphosis. To be ready to lose control or destroy denotes a detachment of the objects, an outlook against materialism which brings the artist closer to Buddhist philosophy and mandala creation. Creative and violent compulsions coexist simultaneously as a fertile field can be transformed into a battle ground or an apocalyptic cityscape. Her works have been shown in numerous international art museums and galleries such as Moderna Museet Stockholm, Marta Herford, Neues Museum Nuremberg and Serralves Museum Porto. Her collaborations with other artists includes Lasse Marhaug, C. Spencer Yeh, Lars Siltberg, Leif Elggren, Marja-Leena Sillanpää and Bill Kouligas to name a few.