Grazie di esserti iscritto alla newsletter di Xing. Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato. Thanks for joining the Xing newsletter. You’ll receive an email notification.

Versione

Traced

live electronics di Jasmine Guffond

20/10/2017 - 20/10/2017
Raum Bologna

Venerdi 20 ottobre alle 22.00 Xing presenta a Raum Traced, il solo di live electronics della sound artist australiana Jasmine Guffond, che inaugura la serie di appuntamenti sonori a cadenza mensile curati da εὖ eû (eu eu), un progetto outdoor di Euphorbia, che dopo tre stagioni di concerti in una casa bolognese, si ramifica su nuovi territori.

 

Traced, seconda opera dell’artista uscita per la label berlinese Sonic Pieces, è uno studio immersivo sulle moderne tecnologie digitali di sorveglianza e sul modo in cui influiscono e confluiscono nella nostra percezione cosciente. La grammatica di algoritmi generata dalle reti di monitoraggio dati e dai sistemi di riconoscimento facciale viene tradotta e convertita in frammenti audibili, disegnando ritratti sonori in grado di catturare ciò che la sensibilità umana normalmente elude. Composizioni permeate da una costante tensione sospesa, sommerse tra dati periferici e codifiche ubique, nelle quali l'artista riesce a catturare e restituire una cullante irrequietezza, sviando la concentrazione e la percezione dell'ascolto. Jamine Guffond è abile manipolatrice di tali confini auditivi, occultati da infiltrazioni di virali presenze umane o artificiali, rendendo così l'esperienza sensoriale complessa e stratificata: da rilevare, localizzare e decifrare.

 

εὖ eû, una ramificazione inversa dell’esperienza di Euphorbia, quella costellazione di organismi - droni elettronici, rumore bianco, strane melodie, frequenze basse - che una casa bolognese ha ospitato per tre stagioni di concerti dal 2014. Pur mantenendo la stessa radice, si libera da uno spazio fisico, intendendo scavalcare alcuni orizzonti sonori, cercando di contestualizzare l’ascolto in un’esperienza più ambientale che puramente fisica. εὖ eû è formato da Matteo Nobile, Marco Furlani e Natália Trejbalová.

euphrbia.tumblr.com

 

*****

 

Friday 20th october at 10pm Xing present at Raum Traced, live electronics solo of the Australian sound artist Jasmine Guffond, which opens the series of monthly sound events curated by εὖ eû, an outdoor project by Euphorbia, which after three seasons of concerts in a private flat in Bologna, branches into new territories.

Traced, a second work by Jasmine Guffond released for Sonic Pieces, is an immersive study of modern digital surveillance technologies and how they affect and come to our conscious perception. The grammar of algorithms generated by data-monitoring networks such as facial recognition systems is translated and converted into auditory fragments by drawing sonic portraits that capture what human sensitivity normally avoids. Compositions permeated by a constant suspended tension, submerged between peripheral data and ubiquitous encodings, in which the artist succeeds in capturing and returning a relentless restlessness by diverting the concentration and perception of listening. Jasmine Guffond is skillful manipulator of such auditory boundaries, possessed by infiltrations of viral human or artificial presence, thus making the complex and stratified sensory experience to be detected, locate and decipher.