Riceverai una conferma per email all'indirizzo segnalato.

Nome
Cognome
E-Mail
Versione
 

Loveeee - 1°, 2° e 3° discorso con esercizi di grazia

 Cristina Rizzo, Lucia Amara, Christine De Smedt, Mattin, Robert Steijn

 
 

salon/performance, prima italiana, produzione Xing/Live Arts Week

a cura di e con Cristina Rizzo e Lucia Amara

Loveeee è il nuovo progetto di Cristina Rizzo e Lucia Amara che prosegue sul solco lasciato da tre atti performativi, chiamati Jungle In, avvenuti tra il 2008 e il 2009. L’esperienza dal vivo si tracciava tutta nella frequentazione, condivisa con il pubblico, di un luogo ideale e protetto, dove allenare simultaneamente il movimento di un pensiero e la scrittura simultanea di un corpo. Punto di partenza per questa nuova occasione di teoria e di pratica è il dispiegarsi di un discorso e di alcuni esercizi correlati attorno al tema della ‘grazia’ intesa come attitudine, come politica del corpo, come economia della bellezza in presa diretta con la realtà del mondo. Tema esteso e condiviso con tre artisti ospiti, uno per giornata, la 'grazia' è una categoria di confine, lontana dalla perfezione sicura e statica del bello. L’incontro paradossale di un risparmio, di un abbandono e di una rivelazione di potenza, secondo i principi di un’estetica della sovrabbondanza, del successo miracoloso, del rischio e dello slancio. La grazia è politica di dissimulazione. Indica una disparizione dei sistemi.

Ciò che ci interessa della grazia è la sua probabilità di indagare alcuni modi dello stare. C’è una fragilità voluta ma nel virtuosismo. Una frangibilità vigorosa. Astenia nella tonicità. Mollezza nella prodezza. Intimità nell’esposizione (spettacolare). Controllo degli arresti. Flusso degli slanci. Nervosità senza futuro. Languore dove tutto sfuma. Elogio della linea serpentina. Abbandono. Spreco. Flessibilità ostentata. Torsione. Generazione dei possibili. Unione di ciò che dissomiglia. La grazia può introdurre nuovi sconosciuti in ogni istante di una durata, fondando un’ospitalità aperta e infinitamente replicabile.

Primo discorso con esercizi di grazia

Secondo discorso con esercizi di grazia

Terzo discorso con esercizi di grazia

Live Arts Week ha prodotto l'e-book Loveeee - journal

Download versione pdf (9.4 mega)

salon/performance, italian première, production Xing/Live Arts Week

concept, performance Cristina Rizzo and Lucia Amara

Loveeee is the new project by Cristina Rizzo and Lucia Amara & guests which follows in the wake of three performance acts, called Jungle In, which took place between 2008 and 2009. The live experience consisted entirely in the frequentation, shared with the public, of an ideal and protected place where the movement of a thought and the simultaneous writing of a body could be practised at the same time. The starting point for this new opportunity for theory and practise is the unfolding of a discussion and of several correlated exercises around the theme of ‘grace’ understood as an attitude, as a body politic, as economy of beauty in direct contact with the reality of the world. A theme extended and shared with three guest artists, one for each day, ‘grace’ is a category of boundary, far from the safe and static perfection of beauty. The paradoxical encounter of a savings, of an abandonment and of a revelation of power, in line with the principles of an aesthetics of overabundance, of miraculous success, of risk and of enthusiasm. Grace is the policy of concealment. It indicates a disappearance of systems.

What interests us in grace is the chance of investigating various ways of being. There is a fragility, intentional but within virtuosity. A vigorous frangibility. Asthenia in tonicity. Weakness in prowess. Intimacy in exposure (spectacular). Control of arrests. Flow of impetus. Nervousness without future. Languor where everything vanishes. Praise of the serpentine line. Abandonment. Waste. Flaunted flexibility. Torsion. Generation of the possible. Union of the dissimilar. Grace can introduce new unknowns into every instant of a duration, creating an open and infinitely repeatable hospitality.